AIRAM - Centro Medico Via Lame, 165 - 40013
Castel Maggiore
BOLOGNA
Mail. info@centromedicoairam.it Tel. 051 705818 / 051 702188 Cel. 334 7761703 Fax. 051 4179822

Blog

I MIGLIORI TRATTAMENTI DI MEDICINA ESTETICA CONTRO LE CICATRICI DA ACNE

L’acne è un’infiammazione delle ghiandole pilosebacee a carico prevalentemente del viso. Produce lesioni solide rilevate sulla superficie cutanea (papule) che in seguito tendono a infettarsi provocando lesioni più gravi e deturpanti (pustole). Possono inoltre comparire lesioni cistiche suppurate e fistolizzazioni che portano alla formazione di cicatrici.

Trattamenti estetici per le cicatrici da acne

Sono proprio le cicatrici tra i principali, e più evidenti, danni che l’acne può provocare. Spesso sono depresse o crateriformi, provocando buchi e cavità a volte anche piuttosto profonde e rappresentano quindi un inestetismo della pelle consistente. Meno frequentemente le cicatrici si presentano rilevate sul piano cutaneo.

Cicatrici superficiali da Acne

Le cicatrici superficiali giovano tuttora di metodiche che prevedono l’applicazione sulla cute di sostanze esfolianti (acidi) in grado di determinare una riduzione delle piccole cicatrici acneiche e delle pigmentazioni della pelle. Si utilizzano diversi tipi di sostanze in base allo stato di attività della malattia acneica (presenza o meno di lesioni attive).

  • Peeling alla tretionina: sostanza in grado di “spegnere “l’acne attiva. Va usata sotto forma di maschere quando l’acne produce ancora pustole più o meno evidenti;
  • Peeling all’acido Glicolico: oltre all’azione esfoliante che porta a una desquamazione progressiva della pelle si ha una stimolazione della produzione di collagene ed elastina;
  • Peeling all’acido acetilsalicilico: All’azione esfoliante si aggiunge la proprietà antinfiammatoria dell’acido ma soprattutto la sua capacità di riorganizzare i processi di cheratizzazione e di eliminazione delle impurità.

Tra i trattamenti esfolianti ci sono poi quelli meccanici, senza l’utilizzo di acidi, che utilizzano speciali spazzoline rotanti.

  • Dermoabrasione: la pelle è levigata con una speciale spazzola che ruota ad alta velocità che, asportando strati superficiali di derma, via via “pareggia” la profondità delle cicatrici. Nei quattro mesi successivi, è assolutamente vietato esporsi al sole ed i risultati sono visibili solo a guarigione avvenuta;
  • Microdermoabrasione: è un trattamento meno invasivo della dermoabrasione in grado di ridurre gli inestetismi dell’acne agendo superficialmente sull’epidermide.

Cicatrici profonde da acne

Le cicatrici profonde sono visibili a causa della loro introflessione rispetto al piano cutaneo circostante. Per questo motivo le procedure di medicina estetica hanno lo scopo, non di eliminarle completamente, ma livellarle al piano della cute sana circostante.

  • Laser CO2 ultrapulsato: incarna lo standard più alto e più innovativo nel trattamento di cicatrici e inestetismi cutanei come quelli provocati dall’acne. L’effetto termico del laser elimina gli strati più superficiali della pelle levigando e riducendo quindi margini e spessore delle cicatrici. Il laser produce la necrosi degli strati più superficiali della pelle e stimola il metabolismo del derma sottostante rendendo le cicatrici più compatte, più strette e di colorito meno biancastro;
  • Radiofrequenza: trasmette in profondità l’effetto del laser stimolando la produzione di collagene da parte di cellule specifiche (i fibroblasti) e colmando, in questo modo, gli spazi vuoti del tessuto danneggiato dalla cicatrice.

La soluzione definitiva contro le cicatrici da acne

L’associazione delle due tecnologie è oggi sicuramente la migliore soluzione della medicina estetica senza bisturi nei confronti delle cicatrici da acne.  Questa procedura permette di ottenere un ri-compattamento cutaneo migliorando in generale il tono e la compattezza della pelle. I risultati sono evidenti rapidamente e tendono a migliorare ulteriormente col tempo. Il viso assume un aspetto levigato e luminoso, la pelle è più distesa e anche le cicatrici dall’aspetto bucherellato tipiche dell’acne, saranno più smusse. Di solito sono sufficienti 3 – 4 sedute distanziate da due mesi l’una dall’altra per dare il tempo al processo di riepitelizzazione messo in atto dalla metodica.

La Radiofrequenza inoltre offre anche il notevole vantaggio di mitigare il rossore e gonfiore, soprattutto dove la pelle è più sottile, che l’effetto termico del laser produce. Già da subito è possibile tornare alla normale attività lavorativa e già dal giorno dopo le donne potranno truccarsi. Per evitare la formazione di inestetiche macchie e pigmentazioni, è consigliabile sottoporsi al trattamento nei mesi invernali quando è ridotta al minimo l’esposizione al sole.

Concludendo, i brevi tempi di recupero, l’assenza di complicazioni e il risultato sempre efficace rendono il laser CO2 frazionato la miglior arma in assoluto per correggere e attenuare le cicatrici provocate dall’acne.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.