AIRAM - Centro Medico Via Lame, 165 - 40013
Castel Maggiore
BOLOGNA
Mail. info@centromedicoairam.it Tel. 051 705818 / 051 702188 Cel. 334 7761703 Fax. 051 4179822

Blog

GOMITO DEL TENNISTA: COME CURARE L’EPICONDILITE

Per epicondilite s’intende una sindrome dolorosa che colpisce l’area del gomito. Questa patologia è soprannominata anche “gomito del tennista” poiché è frequente fra chi pratica il tennis.

Si tratta di un’infiammazione dei tendini e dei muscoli estensori dell’avambraccio in prossimità della loro inserzione sull’epicondilo laterare.  Questo è una protuberanza ossea dell’omero nella sua porzione inferiore dove, assieme a radio e ulna, forma l’articolazione del gomito.

 

Cause dell’epicondilite

Di solito è causata da un sovraccarico funzionale dei muscoli dell’avambraccio come appunto avviene quando si praticano taluni sport come tennis ma anche golf, squash, baseball, giavellotto.

Ne possono soffrire anche persone che lavorano in settori specifici dove più di altri è interessata l’articolazione del gomito: idraulico, muratore, giardiniere, sarto, musicista, dentista ecc…

Si manifesta di solito in età compresa tra i 30 e i 50 anni anche se chiunque può essere colpito dal gomito del tennista qualora si svolgano lavori che comportano movimenti ripetitivi del polso e del gomito.

 

I sintomi del gomito del tennista

I sintomi dell’epicondilite si sviluppano gradualmente.

  • Dolore: dapprima lieve, tipicamente puntorio, quando si compiono movimenti di estensione del polso contro una resistenza. La sintomatologia dolorosa dapprima localizzata nella regione del gomito esterno, può irradiarsi lungo l’avambraccio e persistere anche a riposo;
  • Gonfiore: di solito lieve;
  • Rigidità mattutina: al mattino può comparire un senso di difficoltà a eseguire i movimenti di flessione ed estensione dell’avambraccio e del polso. I movimenti sembrano “pastosi” e comunque non fluidi e liberi come nell’arto controlaterale;
  • Diminuzione della forza: La presa diventa debole e dolorosa, anche mentre si stringono tra le mani piccoli oggetti, relativamente pesanti.

 

Diagnosi dell’epicondilite

Non è difficile diagnosticare un’epicondilite. La comparsa della sintomatologia dolorosa al gomito esterno dopo un sovraccarico funzionale dell’avambraccio è già, di per sé, significativa per la tendinopatia. La visita dall’ortopedico è comunque necessaria per escludere patologie concomitanti e impostare una corretta terapia identificando correttamente l’entità del disturbo. La diagnosi medica può essere effettuata tramite:

  • Ecografia: può fornire scarse informazioni sul grado d’infiammazione de tendini infiammati;
  • Radiografia: serve soprattutto a escludere malattie degenerative che possono concomitare come l’artrosi e l’artrite. La radiografia del gomito può mostrare la presenza di calcificazioni che possono alimentare la sofferenza dei tendini;
  • Risonanza magnetica: al distretto cervicale del rachide, sempre per escludere una sintomatologia da compressione del nervo radiale per ernia del disco.

 

Come curare il gomito del tennista

Il gomito del tennista è classicamente una patologia autolimitante che tende alla guarigione a patto che si attuino precocemente i seguenti accorgimenti:

  • Riposo: è il primo provvedimento da attuare. Limitare il più possibile l’attività dei tendini infiammati è una priorità assoluta. Nei casi più gravi si deve ricorrere a tutori immobilizzanti o al gesso;
  • Terapia farmacologica antinfiammatoria: consigliati l’utilizzo di F.A.N.S. come l’ibuprofene o il ketoprofene anche in creme o gel da applicare topicamente. Nelle forme più gravi possono essere efficaci infiltrazioni di corticosteroidi direttamente nella zona dolorosa del gomito;
  • Laser Terapia: finalizzata a ridurre l’infiammazione dei tendini coinvolti;
  • Onda d’urto: per frammentare le calcificazioni tendinee spesso presenti nelle epicondiliti croniche.

 

Se anche tu soffri di questo disturbo prendi appuntamento con uno dei nostri specialisti. Prenota subito!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.