AIRAM - Centro Medico Via Lame, 165 - 40013
Castel Maggiore
BOLOGNA
Mail. info@centromedicoairam.it Tel. 051 705818 / 051 702188 Cel. 334 7761703 Fax. 051 4179822

Blog

LA CELLULITE: CAUSE E RIMEDI

Che cos’è la cellulite?

Nemica numero uno della maggior parte delle donne, la cellulite è democratica, colpisce tutte, belle e brutte, magre e grasse, povere e ricche senza alcuna preferenza.

Da sempre questo inestetismo è tra i più combattuti, ma cosa funziona?

La cellulite con il suo tipico “aspetto a buccia d’arancia”, è dovuta all’anomala sporgenza di grasso sottocutaneo all’interno del derma. Nelle donne, i setti fibrosi sono disposti verticalmente, così che il grasso spinge facilmente sul derma, provocando avvallamenti e sporgenze.

Cosa causa la cellulite?

La causa principale della formazione della cellulite è certamente costituita dagli estrogeni, ormoni femminili che hanno la caratteristica di trattenere i liquidi e che provocano l’aumento del volume adiposo, in particolari zone, dove il grasso viene “spinto” contro la superficie cutanea dalla posizione assunta abitualmente (cosce e sedere).

Innanzitutto va sfatato un mito: la cellulite non sparirà mai del tutto. Non può essere completamente debellata, ma si può ridurre notevolmente il bruttissimo “effetto bucherellato”. Ma in che modo?

Attraverso un giusto compromesso tra alimentazione, attività fisica, stili di vita, e ovviamente trattamenti di medicina estetica.

Come combatterla?

Alimentazione corretta

Purtroppo non c’è niente da fare, mangiare patatine e cioccolato e passare le giornate sul divano non è salutare e il nostro corpo lo sa e ne risente. C’è da dire però che il sottoporsi a diete drastiche non risolve il problema cellulite: si ottiene solo lo svuotamento di viso, seno, collo, interno braccia, mentre la pelle a buccia d’arancia continua a persistere dalla vita in giù.

Una serie di cibi però è sicuramente in grado di ridurre la ritenzione idrica: Si a carne magra, meglio se bianca, durante il pasto serale; Si al pesce fresco specialmente a mezzogiorno e ai frutti di mare, che contengono molti acidi grassi (tra cui omega 3) che hanno capacità antinfiammatorie; Si a fiocchi di latte, yogurt magro e ricotta di vacca.

La verdura cruda non aiuta a lottare contro la cellulite perché contiene moltissimi sali minerali che favoriscono la ritenzione idrica. Si invece alla cottura a vapore, soprattutto di porri e cavolo, melanzane, peperoni. Si a pompelmo rosa, ricco di vitamina C (che migliora la circolazione e rafforza il sistema immunitario) e licopene, entrambi antiossidanti. Si a mele rosse, cariche di piruvato, antiossidante e tonificante, che riduce il grasso corporeo, aumentando la massa magra e previene dallosteoporosi.

E’ comunque molto importante ridurre il consumo di sale dalla propria dieta, e in generale tutti i cibi salati (affumicati, insaccati, scatolame ecc.), utilizzare con moderazione olio e burro per cucinare, prediligere la cottura della carne o del pesce a vapore, forno o griglia.

Attività fisica

Sicuramente il nuoto è lo sport più efficace per ridurre la cellulite e prevenirla. Agisce efficacemente sull’allungamento dei muscoli contrastando il ristagno dei liquidi negli arti inferiori e facilitando il ritorno del sangue venoso al cuore. Lo stile libero è indicato contro la cellulite in generale ma lo stile a rana è il più adatto per l’allenamento di zone specifiche (es. interno cosce e parte superiore delle braccia) in cui normalmente la cellulite è più abbondante. Risultati evidenti si hanno con l’acqua-spinning e l’acqua- bike.

La corsa ma meglio ancora la camminata, attività che può essere fatta ovunque, quindi non solo sul tapis roulant della palestra.

Lo jogging è un allenamento completo, perché coinvolge non solo la parte bassa del corpo, ma anche gli arti superiori, l’addome e i glutei.

I meccanismi metabolici responsabili dello smaltimento dei grassi si attivano dopo 20-30 minuti di attività fisica, mentre per la bicicletta, l’organismo mira a bruciare dopo un’ora di pedalate.

Uno stile di vita attivo e non sedentario, anche una semplice camminata a passo veloce, aiuta a mantenere una buona circolazione sanguigna e linfatica con effetti benefici su tutto l’organismo. Per andare a lavoro si può scegliere di compiere un tragitto a piedi, magari misurando il percorso col contapassi, oppure si può preferire le scale, invece di salire in ascensore. Tra uno stile di vita corretto, occorre anche valutare l’opportunità di assumere la pillola anticoncezionale, poiché spesso è causa di ritenzione idrica e, quindi, aumenta il rischio di veder comparire la cellulite.

Rimedi e creme

Premesso che l’automedicazione è molto sconsigliata perché si rischia di avere più danni che benefici, qualche risultato, soprattutto nel mantenimento dopo terapie estetiche specifiche, è dato dai cosiddetti “rimedi della nonna”: i massaggi al limone, gli impacchi di fondi di caffè o gli scrub al sale; un buon rimedio naturale anti-cellulite è il cacao, che contiene teobromina: un impacco fatto con questo alimento stimola la lipolisi e rende la pelle liscia e omogenea.

Il capitolo creme, promosso da pubblicità di vario tipo, richiede da solo un congruo approfondimento. Sembrerebbe però tutte accomunate da uno scarso rapporto costo-beneficio dando quasi tutte risultati passeggeri a fronte di costi ragguardevoli. Alcune di queste creme anticellulite contengono tiroxina e possono causare problemi alla tiroide.

L’utilizzo di diuretici potrebbe portare a gravi danni renali.

Trattamento della cellulite attraverso la medicina estetica

Una diagnosi medica effettuata in un centro specializzato e da professionisti del settore (medici estetici), consente di scegliere il trattamento di medicina estetica più adatto al proprio caso. Per individuarne la tipologia della cellulite e lo stadio in cui si trovi, è indispensabile sostenere alcuni esami specifici, tra cui l’impedenziometria che permette di determinare la composizione corporea e fornisce dati importanti per la valutazione medica.

Ecco alcuni trattamenti che si possono eseguire:

  • Carbossiterapia: una corretta apparecchiatura che genera anidride carbonica (CO2), dotata di un tubo e di un piccolo ago, permette la somministrazione nel tessuto cutaneo e sottocutaneo localizzato nelle zone interessate del gas medicale. Migliora l’ossigenazione dei tessuti e favorisce il drenaggio linfatico e l’eliminazione dei liquidi a livello venoso.
  • Smooth Shape: si tratta ben quattro tecnologie differenti che agiscono in sinergia per ottenere il risultato ottimale.
  • laser per liquefare le cellule adipose;
  • laser per aumentare la permeabilità della membrana delle cellule grasse;
  • specifico massaggio per favorire il miglioramento della circolazione linfatica;
  • aspirazione a effetto “vacuum”, per migliorare la circolazione venosa e linfatica.
  • Pressoterapia: una sorta di “armatura” gonfiabile viene fatta indossare al paziente. Una speciale macchina la gonfia esercitando una pressione che non è uguale e costante su tutta la parte trattata, ma si sposta gradatamente verso il centro del corpo; segue, cioè, il flusso sanguigno e linfatico (effetto peristalsi). Nel trattamento degli arti inferiori, ad esempio, la pressione è esercitata dapprima sulle caviglie e progressivamente spostata su polpacci e cosce. L’obiettivo è favorire la circolazione venosa e linfatica, ridurre la ritenzione idrica e sciogliere i cuscinetti di grasso sottocutanei.
  • Mesoterapia: agisce tramite somministrazione intradermica di specifici farmaci diluiti in soluzione fisiologica tramite singolo ago o tramite multiniettori, cioè piastre multiago seconda dei farmaci, che il medico che pratica il trattamento ritiene di somministrare, gli effetti principali ottenuti con questo metodo può avere carattere lipolitico, vasoprotettore, drenante. La mesoterapia richiede, dunque, una diagnosi preliminare accurata per intervenire con il cocktail farmacologico adeguato.
  • Microterapia: come nella mesoterapia si utilizzano aghi ma in questa tecnica sono estremamente piccoli (un millimetro) e s’inietta, al posto dei farmaci, una soluzione ipersalina. Questa, grazie al suo elevato contenuto di sali, richiama i liquidi presenti nel tessuto adiposo verso l’epidermide per osmosi, così che possano essere smaltiti ed eliminati.
  • Idroelettroforesi: è una tecnica non invasiva, che permette di veicolare i liquidi medicali in profondità senza utilizzare aghi; attraverso una corrente elettrica opportunamente modulata da un’apposita apparecchiatura, i principi attivi presenti nella soluzione vengono fatti penetrare attraverso gli strati di pelle fino al tessuto-bersaglio e possono, così, raggiungere anche gli strati più profondi.
  • Thermage: chiamato anche “lifting non chirurgico”, questo trattamento estetico è molto diffuso negli Stati Uniti. Esso permette di dare maggiore compattezza ai tessuti, diminuisce l’aspetto a buccia d’arancia e, soprattutto, migliora notevolmente la microcircolazione.
  • Laserlisi: sfrutta l’energia della luce per sciogliere gli accumuli adiposi presenti nei cuscinetti cellulitici, provoca la dissoluzione delle fasce fibrose responsabili dell’aspetto a buccia d’arancia.
  • Cavitazione: Questa metodologia è molto efficace nella liquefazione dei cuscinetti adiposi localizzati che sono causa e conseguenza della cellulite. VEDI ARTICOLO SPECIFICO.

Ai soggetti più giovani è consigliabile di rivolgersi ad un centro medico estetico già dai primi segni di cellulite, in modo da bloccare subito il suo sviluppo.

Contattaci per avere ulteriori informazioni su questi trattamenti.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.